Home Blog Page 3

Nuovo Regolamento Privacy su GDPR.net

Da maggio 2018 entrerà in atto quello che è stato denominato come Regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali rappresenta il nuovo Regolamento privacy. Il seguente regolamento è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Europea il 4 maggio 2016 (regolamento europeo privacy 2016 pdf), attraverso il lavoro congiunto tra Parlamento, Consiglio e Commissione Europea. L’entrata in vigore del regolamento europeo privacy è però prevista il 25 maggio 2018, data in cui l’Unione Europea dovrà far riferimento a nuovi diritti per i cittadini europei e altrettanti doveri che dovranno essere rispettati da aziende private, enti pubblici, pubbliche amministrazioni, lavoratori freelance, etc. Ma esattamente con il nuovo regolamento privacy cosa cambia? Le novità del nuovo Regolamento privacy riguardano nuovi concetti che saranno fondamentali per la protezione dei dati personali e che sono: il consenso al trattamento dei dati personali, l’accesso ai dati personali, il diritto all’oblio (o diritto alla cancellazione), la limitazione del trattamento, l’opposizione al trattamento e la portabilità dei dati. Abbiamo visitato il sito GDPR.net per accedere al nuovo .pdf GDPR 2018 in italiano.

All’interno del nuovo Regolamento europeo privacy 2018, spicca senz’altro il nuovo “Diritto all’Oblio”, che rappresenta uno dei concetti fondamentali del Regolamento europeo 2016/679 e che dà all’individuo la possibilità di richiedere la rimozione di notizie dal web e non solo. In particolare, grazie al nuovo Regolamento Privacy, il soggetto “Interessato” ha la possibilità di richiedere direttamente al Titolare del Trattamento di rimuovere i suoi dati personali dal web, i quali possono essere associati a delle vicende di cronaca che l’hanno visto coinvolto. Ovviamente vi sono delle clausole che potrebbero ostacolare la richiesta di cancellazione dei dati personali: infatti il dato personale non può essere eliminato qualora sia utile “per l’esercizio del diritto alla libertà di espressione e di informazione”; per l’adempimento di un obbligo legale che richieda il trattamento previsto dal diritto dell’Unione o dello Stato membro cui è soggetto il titolare del trattamento o per l’esecuzione di un compito svolto nel pubblico interesse oppure nell’esercizio di pubblici poteri di cui è investito il titolare del trattamento; per motivi di interesse pubblico nel settore della sanità pubblica; a fini di archiviazione nel pubblico interesse, di ricerca scientifica o storica o a fini statistici;  per l’accertamento, l’esercizio o la difesa di un diritto in sede giudiziaria”.

Il nuovo regolamento privacy ha come obiettivo primario la tutela e la garanzia di un corretto trattamento dei dati personali, tanto da aver introdotto una nuova figura cruciale che sarà obbligatoria per le aziende, ma anche PA, o qualsiasi ente pubblico, ovvero quella del DPO, ovvero il Data Protection Officer. Il DPO o “Responsabile della protezione dei dati” viene incaricato a controllare che vi sia un corretto funzionamento in merito al trattamento dei dati personali, sorvegliando che non vi siano errori o incorrettezze da parte dei titolari dei trattamenti. In tal senso coopererà direttamente con l’Autorità di Controllo e dovrà a sua volta “fungere da punto di contatto per l’autorità di controllo per questioni connesse al trattamento, tra cui la consultazione preventiva […] ed effettuare, se del caso, consultazioni relativamente a qualunque altra questione”. Da ciò si evince la centralità della protezione dei dati personali, che comporta diversi obblighi per i titolari del trattamento, tanto che sono previste sanzioni amministrative piuttosto ingenti, che possono arrivare fino a 100 milioni di euro, o fino al 4% del fatturato mondiale annuo dell’azienda stessa.

Perché chiamare con regolarità il termotecnico?

Migliorare l’efficienza

I regolari controlli eseguiti sulla caldaia hanno il vantaggio di migliorare l’efficienza dell’apparecchio stesso con il risultato che occorre meno gas pere avere il calore necessario per scaldare l’acqua e i termosifoni, in inverno. Grazie a un regolare intervento del tecnico della ditta di manutenzione e assistenza caldaie Beretta Roma, la caldaia consuma meno e sarà, di conseguenza, minore anche la bolletta che ti viene recapitata così risparmi.

Ottenere le certificazioni

Solo se ti rivolgi a un tecnico specializzato della caldaia potrai ottenere tutte le certificazioni necessarie. Le ditte autorizzate sono le uniche che ti possono rilasciare il famoso bollino blu, il quale certifica che il tuo apparecchio rispetta tutti i parametri fissati con apposite disposizioni di legge.

Diminuire l’inquinamento atmosferico

Uno dei principali vantaggi che hai nel rivolgerti con costanza a un tecnico specializzato nella manutenzione e assistenza caldaie Beretta Roma è diminuire l’inquinamento atmosferico. Forse non tutti sanno che, le caldaie producono fumi durante il processo di bruciatura che sono in parte responsabili dell’inquinamento atmosferico. Una frequente pulizia della caldaia assicura una minore fuori uscita di fumi pericolosi per l’ambiente così da evitare ulteriori gravi problemi.

Azzerare i rischi

I regolari controlli di manutenzione e assistenza caldaie Beretta Roma sono davvero molto importanti anche per azzerare tutti i rischi che derivano da problemi come fuori uscite di gas e guasti al sistema di bruciatura. Il gas che serve da combustibile è molto pericoloso perché se inalato risulta fatale. Se il sistema di bruciatura non funziona, si potrebbe creare del pericoloso monossido di carbonio che è anch’esso letale. Una fuoriuscita di gas potrebbe anche provocare un’esplosione dato che si tratta di un gas altamente infiammabile che produce danni molto gravi, non solo a te ma anche a terzi.

Usare solo parti di ricambio originali

Un ulteriore motivo per rivolgersi sempre a un termo tecnico specializzato è usare solamente parti di ricambio originali che hanno il vantaggio di mantenere intatte a immutata la funzionalità della caldaia che va come prima senza alcun tipo di problema.

3 dimensioni diverse per le piastre ghd da scegliere

Ghd è il leader delle piastre per capelli il suo miglior prodotto, la piastra Gold, è resa disponibile in ben 3 formati diversi. Vediamo nel dettaglio le diverse proposte per capire in base a che cosa si scelgono.

Ghd Gold Classic

La piastra per capelli Ghd Gold è il prodotto migliore che ci sia per lisciare i capelli, infatti è quella preferita anche dai saloni di bellezza dove i parrucchieri la usano sempre. Questa piastra ha caratteristiche professionali come la temperatura impostabile grazie al display lcd, in base al tipo di capello che deve essere tratto. Inoltre, le piastre sono rivestite in ceramica e rilasciano cheratina per proteggere il capello. Questo tipo di piastra è quella base indicata per chi ha i capelli di lunghezza media e consente anche di creare delle onde: è sufficiente ruotare la piastra quando la si passa nei capelli. la tecnica per realizzare le onde è piuttosto semplice da replicare, basta prenderci un po’ la mano per passare da liscio a mosso con una sola passata, e viceversa.

Ghd Gold Maxi

La piastra maxi di Ghd è il modello pensato pe chi ha i capelli lunghi o molto lunghi in maniera da lasciare tutta la capigliatura in minor tempo possibile. Le caratteristiche come la temperatura regolabile, il display lcd, il riscaldamento rapido e il rivestimento sono le stesse del modello classic. Questa piastra però è indicata solo per la lisciatura poiché non è possibile usarla per creare le onde.

Ghd Gold mini

La piastra Gold Mini è quella che ha le dimensioni minori rispetto alle precedenti per poter essere usata da chi ha i capelli corti o molto corti. Le piastre piccole permettono di catturare anche i capelli più corti e lisciarli alla perfezione. Si tratta di un modello che è indicato anche per gli uomini. Nonostante le dimensioni ridotte, non mancano tutte le caratteristiche che distinguono le piastre di Ghd. A differenza della maxi, la piastra per capelli ghd mini può esser usata anche per realizzare delle onde che risulteranno molto strette, quasi un riccio.

Quali sono i vantaggi della laparoscopia operativa? 4 benefici che ancora con conoscevi

Un decorso molto rapido

Il principale vantaggio della tecnica di chirurgia laparoscopica Roma è il decorso post operatorio che vanta tempi assai ridotti rispetto al passato. Invece di avere molte settimane di degenza a casa per via delle ferite post operatorie. Questa nuova tecnica è poco invasiva per il paziente che prende anche meno farmaci anti dolorifici, dato che i tagli hanno un’entità davvero ridotta al massimo, grazie all’inserimento degli strumenti chirurgici in piccoli fori sull’addome.

Le dimissioni (quasi) immediate

Uno dei maggiori vantaggi della chirurgia laparoscopica Roma è la possibilità di andare a casa il più presto possibile. La maggior parte dei pazienti resta, infatti, in ospedale in minimo possibile, grazie al day ospital. I pazienti restanti vanno a casa entro massimo 2 giorni, soprattutto se sono anziani, deboli, immunodeficienti e con altre patologie gravi in corso come diabete, insufficienza renale, problemi al sistema cardio circolatorio. Il giorno dopo le dimissioni, si deve tornare in ospedale o in clinica per le medicazioni e i dovuti controlli post operatori.

I minori rischi di infezioni

Data l’assenza di un grande taglio sull’addome, ci sono minori rischi di infezioni. Le ferite chirurgiche di minima dimensione hanno il vantaggio di esser pressoché impossibile da infettarsi: i batteri non entrano nel corpo e la ferita non va in necrosi, come invece può capitare con i tagli più grandi che sono difficili da gestire e tenere puliti per bene. Le piccole ferite son facili da curare anche da soli a casa senza che si debba aspettare l’appuntamento di controllo per cambiare le medicazioni di un grande taglio. Il sistema immunitario non vien deficitato grazie all’uso del laparoscopio.

La veloce ripresa di tutte le attività

Un benefico da non sottovalutare della chirurgia laparoscopica Roma è un veloce ritorno a tute le normali funzioni. Dato che i tagli sono minuscoli, il giorno dopo l’intervento si riesce subito a camminare senza problemi. Inoltre, si può tornare a mangiare cibi solidi pressoché immediatamente senza alcun disagio.

Come tenere lontani i topi da casa nostra

Oggi parliamo di come tenere lontani i topi da casa nostra. Questi roditori sono un vero e proprio problema. Veicolano malattie, rovinano i nostri terreni e le nostre case. E’ perfettamente normale volerli tenere lontani da casa. Il primo trucco come sempre è prevenire.

 

Cercate quindi di non dar modo ai topi di metter su famiglia nella vostra casa. Tappate ogni possibile buco che possa in qualche modo dare ai topi la possibilità di nascondersi. Non lasciate cibo sulle tavole più del tempo necessario, non lasciate la spazzatura in casa e pulite i piatti dopo mangiato in modo che l’odore e i residui di cibo non li attirino. Tutto questo vi permette di evitare che i topi colonizzino in casa. Purtroppo chi ha un giardino però, vede raddoppiare il rischio.

 

Esistono vari modi per allontanarli senza dover ricorrere ad atti crudeli o ucciderli. Oltre a mantenere la casa ben pulita e disinfettare le superfici, dovete appunto evitare di lasciare il cibo a portata di mano.

 

Un solo topolino in casa può diventare un dramma. Sono animali che portano malattie, si riproducono in modo veloce e vanno anche a danneggiare i mobili, i fili elettrici e tuttoi l resto.

 

Se notate un topo in casa dovete sigillare ogni via d’accesso. Il miglior nemico del topo è il gatto. Avere il felino in casa può essere di aiuto ma è chiaro che non dovete prendere un animale solo per tale scopo. Però se già lo avete, di sicuro vi sarà di grande aiuto! Sembra che i topi non amnino molto la menta piperita. Mettetela sul balcone per dissuaderli dall’entrare in casa. C’è poi l’olio essenziale di ecupalipto, altro deterrente naturale per i topi. Potete metterne un po’ in punti strategici della casa, sostituendolo ogni due o tre settimane.

 

Dovete però far attenzione. Se non riuscite a scacciare il topolino rischiate di aver a che fare con una colonia. Analogalmente se già i topi hanno messo famiglia nella vostra proprietà, l’unica soluzione è quella di chiamare un’azienda di disinfestazioni Roma che vi aiuti.

 

5 consigli per mantenersi in salute

Per mantenersi in salute è d’obbligo rispettare alcune regole fondamentali, queste si possono definire anche principi di vita.

 

Mente e corpo devono funzionare perfettamente fra loro. Ogni persona dovrebbe riguardare tutto quello che fa ogni giorno, quindi movimento, alimentazione e non solo. Scopriamo subito 5 consigli per mantenersi in salute.

 

5 consigli per mantenersi in salute

Attività fisica

L’attività fisica è da mettere al primo posto quando si ha intenzione di mantenersi in salute. Vanno bene gli sport, come gli esercizi fisici, le passeggiate etc. Chiaramente non c’è bisogno di strafare, bastano per esempio 40 minuti giornalieri di camminata, oppure 20 minuti di corsa 3 volte a settimana. Il pilates offre molti vantaggi questa pratica influisce positivamente anche per quanto riguarda l’aspetto dell’autostima.

 

Alimentazione

Sappiamo bene che il corpo ha bisogno di una buona alimentazione (come possiamo vedere anche su www.inran.it), questa offre risultati sull’immediato e a lungo termine. Quando il regime è scorretto l’organismo ne risente praticamente fin da subito. Infatti coloro che fanno scorte di legumi, verdure e frutta possono garantirsi tantissimi benefici. Il pesce in particolare è ricco di buone sostanze. Sul consumo di carne invece è meglio prediligere quella bianca rispetto alla rossa. Un nutrizionista può suggerire una tabella per ogni singolo individuo.

 

Buone abitudini di vita

Alcuni “vizietti” potrebbero esseri messi a freno e tolti definitivamente, così da permettere al corpo di vivere bene e più a lungo. Stiamo facendo rifererimento all’abuso di alcol, fumare e l’uso di droghe! Anche numerose tipologie di farmaci se utilizzati spesso compromettono la salute dell’organismo. Nonostante i danni siano conosciuti, in molti  tendono continuare su questa strada.

 

Fare un check-up

I problemi riguardanti la salute (come la comparsa di malattie o patologie gravi) non sono mai da prendere alla leggera. Molti medici infatti invitano tutti a fare un check-up annuale. Servono solamente a scopo preventivo, c’è da dire che sono in pochissimi comunque a farlo visto la maggior parte delle persone temono il peggio quando vanno dal dottore.

 

Vivere sereni

Con il termine “vivere sereni” facciamo riferimento a tutta quelle negatività che ogni giorno viene accumulata dall’organismo. Lo stress per esempio è una causa che può dare problemi fisici e non solo. Allontanare ogni sua forma, rispondendo con una bella risata è terapeutico. Tuttavia c’è anche qualcosa di più mirato, come alcune discipline orientali. Ricordiamo naturalmente lo yoga.

Per saperne di più www.inran.it

Capelli sani, alcune semplici regole da seguire

Le persone che sono alla ricerca del capello perfetto sono sempre di più. Ma cosa si intende con questa affermazione? Semplicemente chi ha capelli lucenti, giovani, forti, i quali sembrano appena usciti dal parrucchiere e non solo.

 

Si trovano tante donne che perdono molto tempo a piastrarsi, usare gel e prodotti nocivi nel tempo. La scelta migliore è sempre quella naturale, come i prodotti bio reperibili nei negozi specializzati.

 

Sentendo il parere di diversi parrucchieri e professionisti del settore, sembra proprio che il capello non debba avere troppe attenzioni. Certo ci sono delle regole da conoscere, ma possiamo dire che tante vecchie abitudini potrebbero benissimo andare a sparire. Se così fosse, nel mondo ci sarebbero molti meno casi di capelli sciupati, deboli o che perdono vitalità e quindi colore.

 

Tra i suggerimenti che possiamo dare per aiutare le donne ad avere capelli impeccabili troviamo:

 

  1. Una buona igiene. I capelli devono essere lavati spesso, anche ogni due giorni. Questo dipende dal tipo di cute chiaramente. Tuttavia è un aspetto da non tralasciare visto che non permette di vedere a pieno il tono del capello, quindi la sua lucentezza nonché giovinezza

 

  1. No alla piastra. Bandire questo strumento è praticamente impossibile, ogni donna fin da quando era piccola è abituata a usare la piastra. Come fare? Vanno analizzati i pro e i contro, quest’ultimi hanno la meglio tuttavia dato che sono di gran lunga superiori.

 

Usare spesso la piastra significa rendere il capello più debole. Certo occorre tempo, ma siamo certi che questo per il mondo femminile è relativamente poco. Ci sono donne per esempio che si piastrono tutti i giorni

 

  1. Un taglio ogni tanto. I capelli crescono più forti dopo un taglio questo è certo. Infatti quanto appena detto non è da sottovalutare. Molte donne si recano dal parrucchiere per dare una sfoltita e avere così un look nuovo e allo stesso tempo impeccabile. Se inoltre aiuta a rendere la cute più forte perché no?

 

  1. Phon, si o no? Il phon è uno strumento utile che permette di asciugare i capelli senza rischiare di uscire fuori e prendere un malanno. Tuttavia in estate può essere messo da parte o comunque utilizzato molto di meno. Inoltre anche la distanza di quando è in funzione non deve essere troppo vicina.

 

Maggiori informazioni su https://www.capellistyle.it/

Bacche di goji, i principali benefici

Le bacche di goji sono dei frutti molto apprezzati e rinomati, di cui si sente parlare spesso. La loro composizione chimica permette al corpo di assorbire vitamine, sali minerali e altri componenti utili.

 

Il Lycium barbarum nasce in Asia ed è la pianta da cui sono ricavate le bacche di goji. Perché hanno questa grande popolarità? A cosa possono servire se integrate nel proprio regime alimentare/dietetico?

 

Nel paragrafo sottostante abbiamo elencato 10 benefici delle bacche di goji. Prima di cominciare ricordiamo che questo frutto può causare allergie, interazioni con determinati farmaci ed effetti collaterali. Per cui è bene non abusarne e allo stesso tempo tenerle lontano dalla portata dei bambini.

 

Come promesso ecco i 10 benefici delle bacche di goji.

 

Bacche di goji: 10 benefici

  1. Mangiare bacche di goji significa aver cura del proprio corpo dato che questi frutti sono utili per stimolare le difese immunitarie. Quindi più difesa contro malattie e non solo

 

  1. Se consumate in quantità giuste le bacche di goji offrono un’azione antinfiammatoria. Utili per tutto l’organismo dato che lo proteggono da numerosi disturbi

 

  1. Tra i loro benefici riscontriamo anche che sono dei potenti antiossidanti, quindi utili per contrastare la comparsa di alcune malattie degenerative e naturalmente ritardare l’invecchiamento cellulare

 

  1. Visto il loro potere nutrizionale e l’effetto saziante, possono essere integrate nei regimi alimentari mirati alla perdita di peso

 

  1. Le bacche di goji migliorano la salute della vista, merito di alcuni elementi al loro interno

 

  1. Studi hanno dimostrato che si rivelano un alimento energizzante, ottime come spuntino rinvigorente

 

  1. Stimolano il metabolismo, ovviamente se integrate continuamente nella dieta ma contenendone in consumi

 

  1. Sono suggerite dagli esperti per regolare l’intestino, sempre se consumate in quantità giuste

 

  1. La bacca di goji è un tonico per la mente

 

  1. Utile per tenere sotto controllo il colesterolo cattivo nel sangue, quindi ancora una volta è di grande aiuto questo piccolo frutto dal colore rosso intenso

 

Come è facilmente intuibile i benefici delle bacche di goji sono moltissimi ed è proprio per questo che sono frutti di grande notorietà. Infatti vengono utilizzate anche per facilitare il sonno.

4 servizi che puoi richiedere al tuo elettricista di fiducia

L’istallazione di apparecchiature ed elettrodomestici

Il numero di apparecchiature elettriche che il tuo elettricista Roma ti può installare sono davvero moltissime e puoi affidarti a lui ogni volta che ne hai bisogno per collegare lavatrice, lavastoviglie, pannelli fotovoltaici, impianti di climatizzazione e moltissimo altro ancora grazie alle sue grandi conoscenze in questo ambito apprese durante gli anni di lavoro in questo particolare settore.

La certificazione dell’impianto

Un impianto elettrico, sia che sia nuovo oppure rifatto, deve sempre essere certificato da un esperto del settore altrimenti non potrai ricevere l’abitabilità. Molti pensano di fare la furbata chiamando un elettricista non abilitato ma poi il geometra, l’ingegnere del cantiere o anche il comune richiedono le certificazioni per sapere che l’impianto rispetta tutte le norme. Una documentazione del genere te al rilascia solamente un comprovato professionista. Le certificazioni servono anche per assicurare la casa contro gli incendi altrimenti in caso di problemi, l’assicurazione non ti ricopre il danno.

Il pronto intervento

Un servizio che puoi chiedere al tuo elettricista Roma di fiducia è il pronto intervento. Si tratta della possibilità di ricevere immediata assistenza e aiuto di tipo professionale in ogni momento, infatti puoi chiamare a qualsiasi ora del giorno e della notte, compresi i giorni del fine settimana e non solo. Grazie a un’ottima organizzazione e divisione del lavoro, il servizio è attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7, inclusi i giorni festivi perché non puoi mai sapere quando un apparecchio avrà un guasto.

Le riparazioni

Solo se ti affidi a un elettricista Roma valido e competente potrai anche richiedere il servizio di riparazione degli elettrodomestici e di tutte le altre apparecchiature nel momento in cui si presenta un guasto che ne impedisce il corretto funzionamene. Non è detto che tu abbia la disponibilità economica, il tempo e la pazienza di ricercare un nuovo elettrodomestico e allora le riparazioni fatte da un professionista sono il meglio del meglio e ti consentono di continuare a utilizzare l’apparecchio a lungo nel tempo.

La bandiera brasiliana

La bandiera brasiliana

Cosa rappresentano i colori, la scritta e le stelle rappresentate sulla bandiera brasiliana?

La bandiera del Brasile si riconosce per i suoi colori accesi. Il giallo e il verde sono da sempre considerati i colori simbolo di questa terra e, infatti si ritrovano anche sulla sua bandiera.
Anche se inizialmente questi erano i colori di due rappresentavano gli stemmi di due famiglie reali, oggi hanno altri significati. Il verde sullo sfondo rappresenta la foresta amazzonica, il giallo del rombo centrale rappresenta le miniere d’oro, il cerchio blu rappresenta il cielo e la striscia bianca al centro e’ stata aggiunta per permettere l’inserimento della scritta “ordem e progresso”.
Queste parole sono diventate il motto della nazione.

Ma cosa simboleggiano le stelle dentro al cerchio blu?

Queste stelle rappresentano la costellazione della Croce del Sud, presente in cielo alle ore 08;30 del 15 Novembre 1889, giorno in cui il Brasile divenne una repubblica.
Ognuna delle 27 stelle rappresenta gli stati in cui e’ divisa la nazione piu’ lo stato federale. La stella che rappresenta lo stato federale (cioe’ lo stato dove e’ presente la capitale) e’ quella piu’ a Sud nella bandiera e cioe’ la Stella Polare Australe che e’ visibile da tutta la nazione a qualsiasi ora del giorno e della notte.
Questo assegna alla stella un significato intrinseco molto importante.