Dire stop al vizio del fumo una volta per tutte

Leggendo questo articolo puoi ottenere qualche consiglio utile su come superare la dipendenza dalla nicotina. Il passo da compiere è molto difficile e richiede un certo impegno soprattutto dal punto di vista mentale. La buona notizia è che tutti, anche i fumatori di vecchia data, possono liberarsi da questo vizio dannoso per la salute. Non è solo complicato spezzare il forte legame con la nicotina, la parte difficile è quella comporta interrompere una gestualità radicata, oltre che a tutta una serie di abitudini.

Basta fumare: quale rimedio usare?

Non solo i fumatori maggiormente incalliti, ma anche quelli che ricorrono alla sigaretta con meno frequenza, possono lasciarsi finalmente alle spalle questo vizio che genera tanti problemi di salute. A tutto questo bisogna aggiungere la caratteristica gestualità del fumatore, dura a morire. Ma come è possibile uscire da questo lungo tunnel? Esistono delle soluzioni efficaci e risolutive? Sicuramente prima di iniziare il percorso di disintossicazione bisogna essere abbastanza motivati, per cui è necessario chiedersi se davvero si vuole smettere di fumare. Successivamente si può ricorrere ad un valido supporto che permetta di dire no al fumo in maniera graduale, perché tante volte smettere di colpo non si rivela la soluzione più giusta.

A questo proposito si può utilizzare la sigaretta elettronica, dispositivo che negli ultimi anni ha registrato numerosi consensi, in quanto permette davvero di ottenere dei risultati soddisfacenti che, tante volte, superano anche le aspettative. Questo spiega come mai, specialmente nell’ultimo periodo, i negozi di e-cig si sono moltiplicati. All’interno di questi punti vendita non si trovano soltanto sigarette elettroniche, ma anche i liquidi con concentrazioni e gusti vari, appositamente pensati per incontrare le esigenze di tutti coloro che vogliono diventare ex fumatori. Ma come può una sigaretta elettronica aiutare concretamente a smettere di fumare?

Prima di fornire la risposta a questa domanda bisogna comprendere a fondo in che modo una sigaretta tradizionale è in grado di creare dipendenza. La causa è tutta da ricercare nella nicotina. Questo composto è molto pericoloso, perché capace di creare una forte assuefazione dal punto di vista fisico e mentale. La nicotina, infatti, diversamente da quello che si potrebbe pensare, influisce moltissimo anche sul profilo emotivo. Il fumatore ricorre alla sigaretta proprio per potersi rilassare e allontanare le tensioni quotidiane.

Bisogna anche considerare che in passato la sigaretta veniva quasi considerata come un vero e proprio status symbol, tanto che era costantemente fra le dita delle celebrità e dei divi del cinema. Di conseguenza il fumo era una moda, tanto che i giovani provavano ad imitare questi personaggi famosi e iniziavano a fumare. Il fumo era anche considerato come una forma di emancipazione sociale e di grande fascino, per questo molte donne decidevano di cominciare ad usare le sigarette.

Al giorno d’oggi gli studi a riguardo, non lasciano dubbi e si sa molto bene quanto faccia male il fumo per la salute. Nonostante tutto, il numero dei fumatori continua ad essere piuttosto elevato. La sigaretta viene accesa in momenti particolari della giornata, come durante la pausa lavorativa, al mattino o dopo pranzo. Questi appuntamenti con la nicotina diventano irrinunciabili per chi ha un vizio più o meno radicato nel tempo.

Grazie alla sigaretta elettronica si riescono a contrastare efficacemente i meccanismi subdoli della nicotina. Questo moderno strumento, che si evoluto notevolmente diventando sempre più pratico e semplice da utilizzare, permette di portare avanti un processo di disintossicazione completamente personalizzato. Come è possibile tutto questo? La prima cosa da considerare è che chi vuole smettere di fumare può iniziare ad usare la sigaretta elettronica con il liquido più adatto alle specifiche necessità.

Smettere di assumere la nicotina da un giorno all’altro non è affatto semplice, per questo è importante ridurre l’assunzione di questa sostanza un passo alla volta. In questa maniera si evitano di subire i fastidiosi sintomi dell’astinenza che porta a nervosismo, insonnia, attacchi di ansia e molto altro ancora. L’ideale è iniziare ad usare la sigaretta elettronica in abbinamento a liquidi che vantano concentrazioni di nicotina uguali o molto simili a quelle delle sigarette convenzionali che si usano abitualmente. Dopo un certo periodo si può passare alle concentrazioni di nicotina sempre più basse, fino ad arrivare ai liquidi completamente privi di questa sostanza. Come è facile intuire, un efficace trattamento di disintossicazione dalla nicotina con la sigaretta elettronica richiede un po’ di tempo. La durata del percorso è del tutto soggettiva. Molti sono riusciti a smettere nel giro di un paio di settimane, ma altri fumatori hanno impiegato mesi. Secondo le stime, tuttavia, nell’arco di 90 giorni è già possibile smettere di provare dipendenza dalla nicotina. Occorre comunque un lavoro mentale e tanta forza di volontà.

La selezione accurata dei liquidi resta comunque determinante. Chi parte da quelli senza nicotina non potrà sperare di smettere di fumare, ma anzi sentirà presto l’esigenza di tornare ad accendere la sigaretta. Il passaggio dal fumare le classiche sigarette a cessare del tutto diventa meno traumatico quando viene adottata una strategia graduale. Scegliere i liquidi adeguati è fondamentale per raggiungere gli scopi desiderati e fare ogni giorno progressi.

Gestualità e vapore

In tema di sigarette elettroniche non si possono tralasciare anche altre due importanti variabili, ovvero la gestualità e il vapore. La prima rimane del tutto invariata e questo aspetto viene molto apprezzato dai fumatori abituali. Stavolta però non viene aspirato il fumo, ma vapore.

Ma la grande differenza risiede nel modo in cui viene prodotto questo vapore. Nella sigaretta tradizionale avviene la combustione del tabacco e della carta. Così facendo il fumatore aspira inevitabilmente tutta una serie di sostanze nocive che intaccano i polmoni e non solo. Diversamente, il vapore che viene generato dalla sigaretta elettronica dipende dal riscaldamento del liquido. Il dispositivo, infatti, funziona attraverso una batteria ricaricabile che assicura una lunga autonomia. Il vapore è prevalentemente a base di acqua, non così nociva come la combustione del tabacco e della carta. Sull’argomento esistono molte ricerche e studi autorevoli che hanno messo in luce come la sigaretta elettronica sia comunque meno nociva rispetto a quella classica.

Il fumatore potrà conservare tutti quei gesti ai quali è abituato da tempo. La sigaretta elettronica, infatti, presenta una forma tubolare e compatta, per cui si può tenere comodamente fra le dita. Quello che cambia è il sistema di funzionamento, in quanto non si verifica la combustione che rilascia sostanze nocive per l’organismo.

Smettere in maniera definitiva di acquistare pacchetti di sigarette non fa bene solo alle proprie tasche, ma soprattutto alla salute. I vantaggi che si riscontrano dalla disintossicazione sono soprattutto a carico del sistema respiratorio e cardiovascolare. Con il passare del tempo sarà possibile riconoscere meglio il gusto dei cibi e persino gli odori, senza contare tutti i vantaggi sulle prestazioni fisiche, visto che sarà normale sentirsi più forti e maggiormente energici per affrontare le giornate.

Le sigarette elettroniche, almeno inizialmente, possono portare il fumatore ad avvertire tosse. Questo è del tutto normale e sintomo del processo di purificazione dei bronchi. In buona sostanza è come se il vapore agisse da pulitore delle vie respiratorie, in modo da liberarle dai muchi e dalle scorie in eccesso. Il fumatore potrà anche appurare un netto miglioramento sulla qualità della vita. Molte persone che sono passate alla sigaretta elettronica hanno iniziato a svolgere regolare attività fisica, perché i problemi di fiato tendono a sparire.

Uomini e donne di ogni età che si sono affidati alla sigaretta elettronica dichiarano di essere completamente soddisfatti, perché sono riusciti a dare una svolta nella loro vita. Naturalmente bisogna evitare il fai da te, quindi acquistare dispositivi e liquidi senza una necessaria documentazione. Questi prodotti devono essere sicuri e adatti al percorso di disintossicazione che si vuole intraprendere. Come spiegato, infatti, i liquidi non sono tutti uguali. Esistono quelli aromatizzati, senza nicotina o formulati con concentrazioni varie. Resta ferma anche la possibilità di personalizzare il proprio liquido, per rendere l’uso della sigaretta elettronica più piacevole e maggiormente in linea con i propri gusti. In questo caso il fumatore potrà ad esempio scegliere una base neutra, con o senza nicotina, alla quale poi abbinare un aroma fruttato, tabaccoso, cremoso o speciale.

Ecco, quindi, che la disintossicazione della nicotina diventa un percorso su misura e non più standardizzato come un tempo. I liquidi negli ultimi anni sono studiati per assecondare qualsiasi esigenza, i loro sapori sono studiati per poter vivere il distacco dalla dipendenza in modo rilassato e con meno possibilità di tornare indietro sui propri passi. In fase di acquisto si consiglia di optare per liquidi affidabili, distribuiti da rivenditori seri e con comprovata esperienza nel settore.

Acquistare liquidi online vuol dire poter contare su prezzi competitivi, oltre che su un vasto assortimento. I migliori e-commerce del settore permettono anche si spaziare fra tanti modelli di sigarette elettroniche, alcune delle quali pensate appositamente per provare a svapare. Non mancano poi ricambi compatibili, come ad esempio resistente di varie misure e atomizzatori di diversi colori. Iniziare a smettere di fumare richiede solo un piccolo investimento rispetto a quello necessario per acquistare le normali sigarette ogni giorno. Accendendo sul sito Terpy.it sarà facile ordinare numerosi prodotti e liquidi per iniziare una nuova vita senza più tabacco.