Home Blog

Sondaggi elezioni politiche 2018: cresce l’attesa per gli exit poll del 4 marzo

Continua a crescere l’attesa per gli exit poll del 4 marzo: i pronostici e i sondaggi per le prossime elezioni politiche sono ancora piuttosto incerti e ogni giorno che passa le preferenze dei cittadini si spostano verso l’uno o l’altro partito. Se, quindi, in questi giorni sembra che il centrodestra sia in netto vantaggio rispetto a centrosinistra e a Movimento 5 Stelle, non è ancora detta l’ultima parola. Con gli exit poll si potrà avere un quadro un po’ più chiaro e attendibile della situazione, anche se ormai lo sappiamo benissimo: fino alla fine si potrà solo parlare di proiezioni e non ci sarà nulla di sicuro.

Una cosa tuttavia è certa: data la situazione attuale della politica italiana, cresce sempre di più l’attesa per gli exit poll e si parla sempre più spesso di sondaggi per le elezioni politiche. Sappiamo tutti di non poter contare al 100% sulle proiezioni fatte interrogando i cittadini all’uscita dalle urne, ma sicuramente questo è un primo dato che permette di avere un quadro piuttosto attendibile degli esiti finali. Certo, fino alla fine non si può dire nulla di sicuro, ma senza dubbio gli ultimi exit poll saranno piuttosto indicativi.

Il tanto temuto astensionismo

L’attesa, sicuramente, sta crescendo sempre di più e quello che si teme, per quest’anno molto più di altri anni, è l’astensionismo. Gli italiani sono ormai delusi dalla politica italiana e chissà che i sondaggi delle elezioni politiche non traducano questa triste realtà. Oggi si parla di un rischio di astensionismo altissimo, che sembra possa raggiungere livelli veramente allarmanti: numeri che non si vedevano da oltre 50 anni di politica italiana.

Questo è un dato che, se dovesse rivelarsi vero, dovrebbe far riflettere tutti quanti, soprattutto coloro che si trovano ai vertici di governo. Se i sondaggi delle elezioni politiche rivelano sin da ora che molti cittadini non andranno alle urne, il rischio è che gli exit poll possano non dare un risultato efficace, com’è già stato nel 2013. L’astensionismo rappresenterebbe lo specchio di una società che ormai ha perso completamente la fiducia non solo nei partiti, ma anche in quel movimento che negli ultimi anni sembrava potesse cambiare le cose, cioè il Movimento 5 Stelle. Anche questa “novità” ha, infatti, rivelato i suoi punti deboli e Di Maio non sembra essere in grado di ripristinare la situazione. Certo è che, nonostante tutto, i sondaggi di questi giorni confermano un Movimento 5 Stelle da non sottovalutare, che sembra addirittura crescere e conquistare sempre più punti rispetto a un Pd che ha deluso molti italiani.

I risultati e l’exit poll

Cosa ci diranno quindi gli exit poll? Quello che c’è da aspettarsi è ancora incerto: ogni giorno i pronostici cambiano, anche se il centrodestra continua a rimanere tra i favoriti delle prossime elezioni. Non ci resta che aspettare e vedere come si evolverà la situazione, seguendo l’andamento giorno dopo giorno e aspettando con ansia il 4 marzo per avere delle risposte quantomeno più attendibili dai primi exit poll. La politica italiana cambierà e su questo non ci sono dubbi: bisogna vedere se la svolta sarà netta oppure se ci saranno solamente dei piccoli cambiamenti al governo.

Tutto quello che c’è da sapere sul codice bonus Bet365

Cos’è un codice bonus Bet365 e come lo si usa? Con ogni probabilità, se ti stai facendo queste domande è perché sei nuovo al mondo delle scommesse online. La prima cosa che dovresti sapere, allora, è che Bet365 è uno dei bookmaker italiani più famoso, utilizzato, ben rinomato e apprezzato soprattutto per la varietà di scommesse che permette di effettuare e per i tanti servizi che offre ai suoi iscritti: dal calcio all’ippica, passando per il casinò e i giochi di carte, siti come questi hanno dalla loro infatti la copertura che assicurano a qualsiasi tipo di disciplina, spesso anche se praticata all’estero o poco seguita in Italia. Tornando alle domande iniziali, però, se c’è una cosa che chi non abbia grande familiarità con l’argomento potrebbe non sapere è che la maggior parte dei siti di scommesse online, italiani o stranieri che siano, richiedono un’iscrizione iniziale: serve per poter avere un conto di riferimento e da cui effettuare le proprie scommesse. Considerato allora che il mercato dell’online betting è oggi molto più affollato di qualche anno fa, è facile capire perché i soggetti principali hanno cominciato a prevedere sconti, promozioni ufficiali, coupon che portino nuovi utenti a puntare sul proprio sito o che mirino a fidelizzare gli iscritti che si hanno già.

Come ottenere il codice bonus Bet365

Il codice bonus Bet365, così, è un bonus che viene fornito ai nuovi utenti del noto bookmaker in fase di registrazione. Semplificando molto, quando un nuovo appassionato di scommesse online vuole iscriversi su una piattaforma di questo tipo, infatti, la prima cosa che gli viene richiesto è un indirizzo e-mail per la registrazione: se usato per la prima volta (se non ci sono associati, cioè, altri account anche vecchi o ormai cancellati), viene automaticamente generato un codice che può essere usato dal singolo utente in una fase successiva, quando conferma l’iscrizione, e che gli permette di ottenere alcuni vantaggi. Sono vantaggi di tipo diverso, soprattutto perché Bet365 come gli altri online better cambia periodicamente le sue policy per fare in modo di risultare attraente ma che, quasi sempre, consiste in una cifra in più sul conto per esempio.

Trattamento di rifiuti pericolosi: le 3 tecniche in caso di ritrovamento di amianto

La rimozione

La tecnica della rimozione è quella più auspicabile in caso di ritrovamento di amianto perché è l’unica che azzera il rischio di esposizione alle fibre cancerogene. In questo caso, prese le dovute precauzioni e indossare le apposite protezioni, il materiale viene rimosso dal luogo dove si trova e portato via. La zona viene poi controllata e bonificata per accertarsi che non vi siano altri rischiosi prodotti.

I preventivi rimozione Amianto sono sempre gratuiti ma è importante che siano richiesti solo a ditte specializzate, iscritte all’apposito albo. Se non ci vi rivolge a del personale autorizzato si rischia che il materiale pericolo non venga trattato nel modo corretto. È possibile conferire questo materiale tossico solamente presso dei centri abilitati al suo trattamento e gli specialisti iscritti all’albo seguono le regole senza optare per soluzioni clandestine.

L’incapsulamento

Purtroppo no è sempre possibile richiedere preventivi rimozione Amianto poiché lo si rimuove solo in certe situanti. Se il prodotto che contiene le pericolose fibre è, per esempio, esposto agli agenti atmosferici che lo hanno deteriorato, facendo così disperdere le fibre nell’ambiente, gli esperti devono fare ricorso a un’altra tecnica, cioè l’incapsulamento. In una situazione come questa, si fa ricorso all’uso di schiume e altri prodotti che creano un solido che possa contenere la fuoriuscita delle fibre, bloccandola una volta per tutte. Dopo un intervento di questo tipo si deve monitorare la situazione per verificarne la buona riuscita.

Il confino

Il confino è il protocollo che serve nel momento in cui si trova dell’amianto nelle costruzioni. Questa è la tecnica che si utilizza nel caso in cui l’amianto venga ritrovato in parti di un edificio. Non è possibile distruggere l’edifico per recuperare l’amianto e allora lo si tratta in questo modo. Purtroppo, in molto edifici costruiti prima degli anni 90 è facile ritrovare pannelli isolanti, soprattutto, che vanno trattati in questa maniera. Anche in questa caso, all’intervento deve poi seguire una fase di monitoraggio che verifichi la tenuta delle contro pareti e soffitti.

Ristrutturare appartamento: che cosa fare con il cartongesso

La nicchia per la doccia

Se hai un bagno un po’ picconino, durante la ristrutturazione casa Milano puoi pensare di creare una nicchia dove mettere la doccia. Devi creare uno spazio grande quanto il piatto doccia, rubando un po’ di spazio nella stanza accanto: abbatti la parete e i muri della doccia li crei con il cartongesso. Le soluzioni di acqua design sono quello che ci vuole per un bagno tutto nuovo.

La cucina in muratura

Il cartongesso è utilissimo se vuoi avere una cucina in muratura come hai sempre sognato. Invece id usare mattoni e cemento che sono più costosi e sporcano di più, puoi realizzare la struttura della tua cucina con il cartongesso. Dopo che hai creato le parti che ti interessano, queste verranno ricoperte con da piastrelle effetto pietra a vista così lo stile che desideravi viene riproposto in modo fedele.

Le pareti divisorie

Il cartongesso non può essere usato per realizzare i muri portanti ma è utilissimo per creare le pareti divisorie, cioè quelle che dividono degli ambienti. In questa maniera potrai creare un muro nel punto che preferisci, se un muro non ti piace puoi sempre usare il cartongesso per costruire un piccolo muretto, per esempio, in entrata che divida un po’ lo spazio dall’open space.

Il controsoffitto

Un’idea davvero molto bella quando sei alle prese con la ristrutturazione casa Milano è creare un controsoffitto che può avere diverse funzioni, come quella di isolarle dai forti rumori che provengono dal paino sopra, per confinare dei materiali pericolosi presenti nel soffitto oppure per creare un progetto di illuminazione particolare. Il cartongesso permette di creare un’intercapedine dove puoi sistemare i faretti senza che siano a vista.

La parete attrezzata

Puoi anche decidere di realizzare una parete attrezzata, un armadio a muro oppure una cabina armadio grazie al cartongesso che è davvero utilissimo durante la ristrutturazione casa Milano soprattutto perché veloce da posare e ha un costo inferiore rispetto ad altri materiali per costruzioni.

Usare il climatizzatore bene: 3 problemi che possono sorgere se non fai così

Le sindromi da raffreddamento

Uno dei maggiori problemi legati a un uso scorretto del climatizzatore riguarda le sindromi da raffreddamento-Potrebbe sembrare strano ma anche in piena estate ci sono moltissime persone che hanno a che fare con il raffreddore, nonostante sia un problema legato alla stagione fredda. Il motivo è dovuto all’eccessivo sbalzo termico che c’è tra gli ambienti chiusi e l’esterno: quando si passa da un ambiente molto freddo coma la casa, l’ufficio, un negozio o il supermercato, a fuori dove ci sono 30° minimo, si ha uno sbalzo molto forte. Per risolvere il problema, devi imparare impostare il termostato, scegliendo una temperatura che sia appena poco più bassa rispetto a fuori lasciare il termostato impostato sui 20° C è sbagliatissimo e ti fa star male: mal di gola, naso che cola, mal di testa, e addirittura febbre.

Il torcicollo e altre contratture

Se hai spesso il collo bloccato o altre parti del corpo che fanno molto male, il problema potrebbe essere quello del getto di aria fredda che esce dal tuo climatizzatore. L’aria fredda addosso potrebbe sembrare piacevole ma a lungo andare provoca contratture e dolori articolari. Gli esperti della manutenzione e assistenza climatizzatori a Roma consigliano di mettere il climatizzatore in un luogo di passaggio e non nelle stanze dove passi la maggior parte del tempo.

La febbre del legionario

La legionella p febbre del legionario è una patologia che si era nota in passato, tra i soldati che si trovavano in luoghi caldi ma oggi puoi prenderla se i filtri dell’aria del climatizzatore non sono puliti. In questa parte del tuo clima, c’è un ambiente favorevole alla proliferazione batterica. Il batterio poi viene spinto fuori tramite il getto d’aria fino ad essere inalato dalle persone. È bene che durante le operazioni di manutenzione e assistenza climatizzatori a Roma venga puliti o addirittura sostituiti i filari dell’aria dove può esserci questo pericoloso batterio che è anche difficile da diagnosticare perciò rischi di passare molte settimane ammalalo senza capire che medicinali ti facciano stare meglio.

Andare dallo psicologo: 3 diversi tipi di terapie

Il colloquio individuale

Quando a una persona ha una difficoltà nella sua vita provata o anche lavorativa, lo psicologo a Milano fissa degli appuntamenti che si svolgono a tu per tu con lo specialista che può usare diversi sistemi per andare all’origine del problema. Nei casi di lutto no superato, abusi infantili, depressione, insicurezza e simili non serve che nessun’altro intervenga durante le sedute. Spesso la psicologa pone delle domande a cui l’assistito risponde in modo sincero anche perché non c’è nessuno di estraneo e sa di trovarsi un luogo “protetto” dove può confidare tutto quanto senza ripercussioni, grazie anche al patto di segretezza che vige.

La terapia di coppia

Lo psicologo a Milano può decidere di chiamare anche il partener della persona che si è rivolta allo studio oppure arriva una coppia che intende intraprende un percorso per appianare i problemi e ritrovare la serenità.

È bene chiarire che la terapia di coppia non ha lo scopo di far tornar l’armonia nella coppia, se non si tratta di un desiderio di entrambi i partner. Può infatti anche essere che dopo la terapia la coppia si lasci definitivamente perché si trovano dei punti inconciliabili. Il vero scopo è che le persone stia bene con sé stesse prima di tutto e poi anche in coppia. Se il rapporto tra le due persone è tossico, possessivo, manipolatorio, dipendente e far star male, lo specialista può anche suggerire che è meglio concludere la relazione.

La terapia famigliare

L’obiettivo della terapia famigliare è spesso quello di andare a indagare quali sono i rapporti tra i vari membri di una famiglia e che tipo di relazione c’è tra i diversi individui. Un altro obiettivo della terapia famigliare è imparare a comunicare in modo efficacie con gli altri membri della famiglia senza urlare ma esprimendo i propri bisogno e le proprie emozioni. Non è detto che tutta la famiglia debba partecipare ma è lo psicologo a Milano che, ove necessario per la terapia e il percorso intrapreso, dice al suo assistito di chiedere a un suo famigliare come può essere la madre, il padre, la sorella, il nonno etc. di venire al prossimo incontro.

Scommesse sportive: porta al massimo l’emozione dello sport

Perché si scommette sui risultati sportivi

Molti ancora si chiedono perché ci sia gusto a scommettere sui risultati sportivi ma forse solo perché non hanno mai provato. Chi scommette non lo fa di certo per diventare ricco ma lo fa solo per divertimento e per aumentare l’emozione dello suo sport preferito. scommettere sullo sport è prima di tutto un divertimento perché rende il risultato ancora più atteso e l’adrenalina sale e al massimo quando ci sono in gioco non solo la squadra del cuore ma anche degli investimenti in denaro. Il funzionamento delle scommesse è piuttosto semplice e ciò permette a tutti di pizzare una scommessa. Ci sono poi le persone che utilizzano dei sistemi per scommettere e lo amano fare per il gusto del rischio: si tratta di personaggi molto esperti che hanno studiato dei sistemi per massimizzare la vincita con le scommesse sportive, puntando anche su altre squadre che non solo quella preferita del cuore.

Non solo calcio…

Non esiste solamente il calcio ma le scommesse sportive possono riguardare tutti gli sport come basket, pallavolo, tennis, nuoto, atletica, ciclismo, motori e molto altro ancora. Il mondo delle scommesse sportive si è infatti adeguato alle richieste del pubblico ed oggi i maggiori bookmaker online consentono di piazzare scommesse anche sui cosiddetti sport minori. È nel nostro Paese che il calcio viene seguito di più, rubando un po’ la scena agli altri sport che invece hanno un grandissimo pubblico che però intende anch’esso scommettere sui risultati sportivi. Allora diventa possibile piazzare scommesse anche sulle bocce, sul golf, sullo sci, sullo skateboard e moltissimo altro ancora così che anche chi segue uno sport che non è quasi mai sulle copertine dei giornali sportivi possa vivere al massimo la sua passione, potendo verificare i suoi pronostici scommettendo. Finalmente il mondo delle scommesse sportive, più di quello delle notizie sportive, si è aperto agli sport considerati minori, speso messi in disparte dal più noto e redditizio calcio

Per saperne di più: www.promorally.it

Sostituzione porte blindate e serratura: i servizi migliori per la sicurezza di casa

Oggi le porte blindate sono quelle che più di tutte sono in grado di garantire la sicurezza di un’abitazione, sia che si tratti di un’entrata sul giro scale o che dà direttamente verso l’esterno. i servizi di un valido fabbro sono quello che serve nel momento in cui si desidera sostituire la porta blindata oppure si vuole solamente cambiare la serratura con una tipologia più moderna e sicura. Grazie alle tecniche più innovative, oggi è facilissimo richiedere un lavoro di questo tipo al fabbro che vanta una pluriennale esperienza in questo settore.

La tecnica di sostituzione della serratura su una porta blindata può essere fatta non solo per voler migliorare la sicurezza con modelli più nuovi ma anche per altre ragioni, infatti, c’è chi chiede a una valida ditta di fabbro la situazione della serratura poiché è stata danneggiata a seguito di un tentativo di scasso, eseguito magari da abili scassinatori che hanno usato anche strumenti come trapano piede di proco, cacciaviti etc. Anche se la serratura non si è aperta, questa può essere stata danneggiata tanto da non riuscire a far girare la chiave nella toppa. In questo e altri casi simili, la soluzione più economica è quella di cambiare la singola serratura.

La tecnica di sostituzione della serratura è quello che ci vuole per risparmiare poiché la porta blindata viene lasciata dov’è e si sostituisce solo la serratura. In tale maniera non è necessario acquistare e far montare una nuova porta blindata che costa davvero molto. Invece di cambiare l’Intera porta blindata con una nuova, i servizi migliori del fabbro consentono un netto risparmio cambiando esclusivamente la parte danneggiata cioè la serratura che i ladri volevano o hanno forzato.

È possibile rivolgersi a un valido fabbro anche per richiedere qualsiasi altro tipo di servizio che ha a che fare con porte e serrature in maniera da poter aumentare la sicurezza di casa e stare più tranquilli.

Per info e / o prenotazioni: www.sostituzioneserratura.it

Alcuni consigli per scegliere il mutuo adatto

Non esiste un mutuo perfetto. Ognuno ha i suoi pro e i suoi contro e si adattano meglio a una determinata situazione piuttosto che a un’altra. Dovete quindi andare ad analizzare i fattori generali per capire quale fa a caso vostro. Ecco alcune cose che dovete valutare per una scelta consapevole, così come ci spiega il sito www.simutuo.it.

Prima di tutto dovete valutare il costo. Qual è il budget massimo che potete investire ogni mese per la vostra casa? E’ molto importante fare questo calcolo nel modo più obiettivo possibile. Questo denaro uscirà dalle vostre tasche ogni mese per tanti anni. Il calcolo lo dovete fare in base non solo a quanto guadagnate, ma anche a quali sono le vostre uscite mensili. Il parametro principale è quello di non andare oltre a 1/3 dello stipendio o degli stipendi se la famiglia ha due redditi. Il secondo è quello di tenere anche in considerazione di altri eventuali prestiti. Anche perché la banca queste cose le tiene in considerazione prima di darvi il denaro.

Giocate sulla concorrenza. E’ una buona strategia per farvi abbassare il costo del mutuo. Dovete giocare sulla concorrenza tra banche. Dopo che avete ottenuto un preventivo da una banca, andate da un’altra e fate presente l’altro preventivo se era minore di quello che vi propongono, così la banca abbassa il suo.

Ricordatevi che le banche oggi non concedono oltre l’80% dell’investimento totale. A differenza di prima che invece davano anche più denaro, così da coprire i lavori di distrutturazione.

Fate attenzione a non attivare polizze che non sono necessarie. Qualcuno purtroppo aveva (e ha ancora) l’abitudine di far credere al cliente che senza la stipula di una polizza vita o morte, non poteva ottenere il mutuo. Non è una cosa vera questa e anzi, è bene diffidare da chi vuol far credere ciò. E’ chiaro che se siete voi a volerla, è tutta un’altra musica!

A questo punto ci sono ancora due cose da valutare. I tassi di interesse e i requisiti chiesti dalla banca. Per quanto riguarda i primi, cercate quelli migliori. Fate anche attenzione a quei tassi che sono superiori ai limiti di legge. E’ denaro quello che vi deve essere rimborsato.

Per quanto riguarda invece i requisiti della banca, vuole delle garanzie. Ecco che erogano i mutui a persone con una storia economica alle spalle buona. Molto difficilmente la erogano a chi è un cattivo pagatore anche se alcuni istituti bancari offrono buone soluzioni anche in questo caso.

La banca chiede la dimostrazione del reddito, che sia la busta paga o il modello unico e anche l’ipoteca sulla casa. Quest’ultima è la garanzia più solida perché permette alla banca di appropriarsi della casa qualora il cliente smettesse di pagare.

Negli utlimi anni sono uscite davvero tante soluzioni personalizzate anche per i giovani, i quali è molto probabile che non hanno un anticipo da dare sulla casa (visto che la banca finanzia solo l’80%). Per questa categoria sono pensati mutui 100% sul valore della casa.

Come posare il pavimento durante la vostra ristrutturazione

La cornice

Per creare un effetto diverso e nuovo in casa vostra, quando dovete ristrutturare a Roma potte pensare di creare una cornice sul pavimento prima di procedere con una delle pose, che trovate descritte nei prossimi paragrafi vi basterà posare lungo il perimetro della stanza dei listelli paralleli al muro per creare una cornice. È uno stile molto adatto a stili classici e anche a un arredo con elementi di antiquariato molto decorati e ricchi.

A cassero regolare

Quando devi ristrutturare a Roma e rifare i pavimenti, puoi optare per una posa cosiddetta a cassero regolare per quelli con listelli, grandi o piccoli che siano. In questo caso, gli operai addetti posano il primo listello intero e poi finiscono tutta la fila, procedendo lungo un muro. Per la seconda fila, non si parte con il listello intero ma lo si taglia a metà per poi proseguire per tutta la lunghezza. La terza fila inizia con il listello intero mentre la quarta con quello a metà e così via fino alla fine. In tale maniera, con le fughe, cioè gli spazi tra un listello e l’altro, si viene a creare un disegno molto regolare, da qui il suo nome.

A cassero irregolare

La posa a cassero irregolare è simile a quella regolare, con l’unica differenza che il primo listello di ogni fila viene tagliato in modo diverso, perciò non intero o a metà, al fine di creare con le fughe un disegno che non sia regolare. Farete questo tipo di scelta in merito alla posa dei pavimenti, in legno o anche in laminato, quando dovete un effetto molto naturale, perfetto per i formati di grandi dimensioni.

A spina di pesce

Quando dovete ristrutturare a Roma potete anche optare per la posa a spina di pesce. In questo caso l’angolo del primo listello va a finire nel fianco del successivo. Un effetto che si usa molto ani fa era fare una parte del pavimento in un senso e poi girare l’angolo per creare una scacchiera, ad esempio, o delle fasce. È uno stile che si addice solo ad arredi moto ricchi.