Manutenzione ordinaria e straordinaria: tutto quello che avete sempre voluto sapere per caprie la differenza

Ogni quanto chiamare

Le disposizioni di legge attualmente in vigore prevedo l’obbligo di fare dei controlli sulla caldaia in modo da verificare il suo corretto funzionamento. La tempistica con cui chiamare la ditta di termoidraulica Roma dipende dalle caratteristiche della caldaia stessa. Se la potenza della vostra caldaia è superiore a 100 KW, il tecnico deve venire una volta l’anno. Se la potenza è inferiore a 100 KW, i controlli sono da fissare una volta ogni due anni. Nonostante ciò, moltissimi sono soliti chiamare il tecnico una volta l’anno, in particolar modo prima della stagione fredda per verificare che tutto sia ok. Infine, se avete una nuovissima caldaia con tecnologia a condensazione, il tecnico deve certificarla una volta ogni 4 anni. Se non sapete quando chiamare il tecnico della manutenzione, potete sempre controllare sulla prima pagina del libretto della caldaia, oppure contattare direttamente la ditta di termoidraulica Roma per are questa informazione.

Perché i controlli sono obbligatori

Il motivo dietro all’obbligatorietà di eseguire i controlli ordinari sulla caldaia è legata a diversi fatti. Le caldaie bruciano gas metano che è infiammabile e una perdita potrebbe rivelarsi davvero molto pericolosa. Inoltre, le caldaie emettono fumi e gas inquinanti che sono in parte responsabili dell’inquinamento atmosferico perciò si devono controllare i livelli dei fumi.

Quando si tratta di manutenzione straordinaria

Ogni volta che il tecnico della ditta di termoidraulica Roma interviene per un motivo diverso, si tratta di controlli straordinari. La natura di questo tipo di interventi è legata a un malfunzionamento, una rottura o un guasto perciò non possono essere fissati o previsti, come invece accade con i controlli ordinari che possono esser fissati anche settimane prima. Nulla toglie che durante un intervento di natura straordinario, il tecnico non possa anche eseguire i controlli ordinari, tempo permettendo. Ogni volta che il tecnico della termoidraulica mette mano all’apparecchio deve compilare il libretto al fine di avere uno storico dettagliato.