Quando assumere il Buscopan?

Dolori e crampi addominali sono i disturbi più comunemente trattati col Buscopan, un farmaco di automedicazione acquistabile in farmacia senza bisogno di presentare una prescrizione medica. Ci sono anche casi più complicati, però, in cui l’assunzione del farmaco, se sotto stretto controllo del medico di fiducia o dello specialista, può dare sollievo al paziente.

Buscopan: indicazioni d’uso, terapie particolari, posologia

Il principio attivo del Buscopan è infatti la scopolamina, un alcaloide semisintetico della belladonna che funziona da miorilassante. Usata per trattare i disturbi a carico del sistema gastroenterico e urinari, questa aiuta – come si accennava – ad alleviare crampi, spasmi vescicali, coliche renali, oltre che essere un valido sostegno nella terapia per la sindrome del colon irritabile e per la diverticolite. In più, spesso associata con il paracetamolo, la scopolamina, e quindi il Buscopan, possono assolvere a una seppur blanda attività antidolorifica.

Sebbene non sia formalizzato tra le indicazioni terapeutiche del Buscopan, il farmaco viene spesso utilizzato, però, anche in gravidanza con uno scopo ben preciso: ridurre le probabilità di parto prematuro e le minacce di aborto. Trattandosi di un antispastico, infatti, può agire sull’attività muscolare implicata in questi processi: inutile ribadire come in casi come questi sia essenziale il controllo medico e nessuna iniziativa andrebbe presa in autonomia. Lo stesso principio vale per l’utilizzo della scopolamina nei malati terminali e per migliorare il rantolo agonico.

Quanto a posologia e metodo di assunzione, va precisato innanzitutto che il Buscopan può essere assunto anche nei bambini al di sopra dei sei anni – meglio se attenendosi strettamente, in questo caso, a dosi e periodi di trattamento consigliati dal pediatra. In commercio sono disponibili, poi, diverse formule: l’assunzione di Buscopan può avvenire, infatti, tanto per via orale, quanto per via rettale o intramuscolare ed endovenosa e il paziente può scegliere, di in caso in caso, la “forma” che trova più efficace e di sollievo. Le uniche avvertenze riguardano eventuali allergie o ipersensibilità al principio attivo e agli altri eccipienti e la possibilità che il Buscopan interagisca con altri farmaci: anche in questi casi consultare il medico è la soluzione migliore.